Presentazione del libro "Mnemosyne - Le fonti della storia - Tutela e valorizzazione"

Sala Alessandrina , Palazzo della Sapienza (corso del Rinascimento, 40)

ore 16.00 - 29 maggio 2013 - Presentazione

Presentazione del libro Mnemosyne - Le fonti della storia - Tutela e valorizzazione

Il giorno 29 maggio 2013 alle ore 16,00, nella Sala Alessandrina del Complesso di Sant'Ivo alla Sapienza, l'Archivio di Stato di Roma presenta il volume Mnemosyne - Le fonti della storia - Tutela e valorizzazione (edizioni VCM), che raccoglie gli atti del convegno omonimo  tenutosi a Maratea, presso il Museo-Palazzo De Lieto, il 18 giugno 2011. Con Eugenio Lo Sardo, Direttore dell'Archivio di Stato, parleranno Francesco Sisinni, già Direttore Generale del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali e Donato Tamblé, Dirigente Archivi di Stato.

Interverranno quindi brevemente Larissa Anisimova, Presidente FAND, Giuseppe Berucci, Architetto Mibac, Anna Maria Dolciotti, Archeologa Mibac, Maria Marchegiani, Docente LUMSA, Attilio Maurano, Direttore Regionale Basilicata, Luisa Montevecchi, Dirigente Archivi di Stato, Mario Ursino, Storico dell’Arte Mibac, Bruno Vaccari, Presidente Ass. Cult. “Olimpia” Roma, Valeria Verrastro, Direttore Archivio di Stato Potenza.

Il tema comune a tutti i saggi è la memoria, idealmente indicata come Mnemosyne, la madre delle Muse, da cui prende nome anche il museyon, e l’argomento è declinato nella prospettiva dei beni culturali, dal punto di vista professionale dei diversi ambiti di studio: archeologico, artistico, architettonico, archivistico, bibliotecario, letterario, educativo e religioso. Particolare considerazione è stata data alle fonti della storia, sottolineando, come scrive Francesco Sisinni, il valore fondante della memoria, come fonte informativa e formativa, la responsabilità dello storico e la lezione di metodo della Scuola delle “Annales" . Da qui l’ampliamento del panorama di ricerca: dalle fonti archivistiche e bibliografiche, a quelle storico-artistiche, letterarie, religiose, etnostoriche e della tradizione orale.